A ciascuna chitarra il suo legno. L’importanza della materia prima

Ogni chitarrista, dopo qualche anno di esperienza, comincia ad avere un po’ di confidenza con il legno, anzi, con i diversi tipi di legno e le loro caratteristiche. La scelta della principale materia prima per la costruzione delle varie componenti dello strumento è ritenuta fondamentale, bisogna sapere quali sono le differenze e le peculiarità di ciascun tipo di legno per individuare la propria chitarra ideale.

Spesso su questo argomento anche i liutai e i produttori hanno opinioni differenti.

Soprattutto per quanto riguarda le elettriche, molti ritengono che, in realtà, un determinato legno, usato per il corpo, la paletta o il collo, non aggiunga di per sé nulla al suono della chitarra, ma che semplicemente assorba determinate frequenze, influenzando la vibrazione della corda in modo sottile. Per esempio, se fossimo in grado di sentire il decimo di secondo iniziale della vibrazione di una corda, probabilmente non percepiremmo la differenza fra legni diversi. Ma, poiché il legno reagisce alle vibrazioni delle corde, vibrando a sua volta, rimanda questo feedback alle corde stesse. Secondo questa visione, l’effetto del legno sul suono finale della chitarra sarebbe minimo, mentre molto più importanti sarebbero altri componenti hardware come i pickup oppure le caratteristiche costruttive, come la lunghezza della scala o lo spessore del corpo.

Invece, per quanto riguarda le chitarre classiche o acustiche, l’opinione prevalente è che il suono sia dato soprattutto dal legno utilizzato per la cassa di risonanza. Infatti, il legno impiegato per fondo e fianchi è generalmente differente da quello usato per la lamina frontale, proprio per sfruttare le caratteristiche peculiari dei diversi legni e ottenere maggiori possibilità sonore. Per esempio, i legni più diffusi per il fondo e le fasce delle acustiche sono palissandro, mogano e acero, mentre per la tavola armonica si predilige spesso l’abete.

Nel caso della chitarra o di altri strumenti acustici le componenti hardware devono essere poco invasive, il meno possibile, per consentire al suono di conservare le proprie caratteristiche naturali. Mentre il legno partecipa alla creazione del suono, il pickup deve limitarsi a trasformare lo stesso suono in un segnale elettrico perfettamente corrispondente.

Resta sempre aggiornato!